La Posta Elettronica Certificata è obbligatoria per tutti i liberi professionisti e le imprese da giugno 2013.

La PEC semplifica le comunicazioni: niente più fax e code agli sportelli per le raccomandate. Per inviare i tuoi messaggi ufficiali, utilizza la Posta Elettronica Certificata comodamente dal tuo computer o dal tuo cellulare.

Come funziona la posta elettronica certificata | aritmos.it

Aritmos presenta LegalMail: il servizio PEC di Infocert che permette di inviare e ricevere messaggi ufficiali per email, con lo stesso valore legale di un fax o di una raccomandata con avviso di ricevimento.

La PEC è molto simile alla tradizionale posta elettronica, ma è dotata di un sistema di certificazione e sicurezza, garantito da Infocert (numero uno in Italia), che rende tutti i messaggi e i relativi allegati opponibili a terzi.
Tutte le comunicazioni che tradizionalmente venivano inviate tramite fax o raccomandata con ricevuta di ritorno, adesso possono essere risolte con l’apertura di una PEC: tutti i messaggi e gli allegati che vengono inviati con questo sistema, hanno lo stesso valore legale di un fax o di una raccomandata, ma senza spese aggiuntive o le lunghe code agli sportelli.
L’invio di messaggi PEC si usa per l’invio di: ordini, contratti, fatture, buste paga, stipendi, protocolli, gestori documentali, workflow, comunicazioni e convocazioni ufficiali in una rete, rapporti con la PA.

 

IL FUNZIONAMENTO DELLA PEC, PUNTO PER PUNTO

  • L’accesso e l’identificazione dell’utente di posta tramite avviene su protocolli sicuri mediante l’inserimento di user e password oppure di un certificato digitale. Questo determina l’impossibilità di falsificazione del mittente.
  • Il messaggio inviato ottiene una certificazione d’invio: la ricevuta di accettazione. Questa è firmata dal gestore e attesta il momento della spedizione e i destinatari.
  • L’integrità del messaggio e la garanzia di non manomissione è assicurata dalla busta di trasporto che, firmata dal provider, contiene tutti i dati del messaggio. Questo processo è valido solo da PEC a PEC.
  • A consegna effettuata viene emessa una nuova certificazione: la ricevuta di consegna. Questo nuovo messaggio di posta certificata viene inviato al mittente e attesta: la consegna, la data e l’ora di consegna e il messaggio stesso con relativi allegati.
  • Infine, ogni messaggio viene conservato in un Archivio di Sicurezza per 30 mesi, ed è richiedibile per fornire prove agli interessati.

 

I VANTAGGI DI UTILIZZARE UN INDIRIZZO LEGALMAIL

Risparmi soldi

  • Invia tutti i messaggi che vuoi, senza costi di spedizione aggiuntivi
  • I messaggi hanno valore legale quindi non spendi più soldi per: fax, raccomandate, buste, fogli, stampa, francobolli, ecc.
  • Grazie all’archiviazione digitale non serve più stampare e conservare i messaggi in scomodi e ingombranti armadi per documenti cartacei

Risparmi tempo

  • La PEC è veloce come le normali email, quindi non ci sono tempi di attesa
  • Anche le ricevute sono istantanee, così conosci subito l’esito dei tuoi invii
  • A differenza dei fax e delle raccomandate, non devi aspettare o fare code agli uffici.

Risparmi stress

  • Legalmail è online quindi è sempre disponibile da qualsiasi postazione e anche da mobile
  • Ricevi un SMS di avviso ad ogni ricezione
  • Legalmail è l’unico sistema che certifica anche il contenuto e la data e l’ora di spedizione;
  • Puoi consultare l’INI-PEC (Indice Nazionale degli Indirizzi di PEC) o l’Indice generale delle Pubbliche Amministrazioni Italiane, per trovare un destinatario di PEC

 

PER CHI È OBBLIGATORIA LA PEC

  • Professionisti: da novembre 2009 la PEC è obbligatoria nei confronti degli ordini e dei collegi cui sono iscritti
  • Società: le nuove società devono dichiarare la PEC all’iscrizione Reg. Impr. Da novembre 2011 tutte le società dovranno averla dichiarata al Registro Imprese
  • Nuove Partite IVA e Ditte individuali (compresi gli artigiani): devono dichiarare la propria PEC al momento dell’iscrizione al Registro Imprese. Dalla fine di giugno 2013 dovranno averla dichiarata al Registro Imprese.
  • Pubbliche Amministrazioni: devono provvedere a dotarsi di PEC a meno che non lo abbiano già fatto