sot-006
Anche oggi Giulia ha portato a termine il suo lavoro come si deve. Raramente si trova una segretaria più professionale di lei che riesca a stampare-scansionare-inviare fino a 50 pratiche in un’ora. Una vera macchina da guerra. E poi che dire della sua sempre maggiore perizia informatica? A breve sarà in grado di darli lei, i consigli ai colleghi. Ma mentre pensa tutte queste cose, riceve un’interessante email: “vuoi guadagnare fino a 2.000 euro al giorno?” Ehi, ma è davvero interessante, chi non lo vorrebbe? E così decide di approfondire aprendo il messaggio.

L’email sembra seria, magari un po’ sgrammaticata, ma in effetti è firmata da uno straniero e quindi è comprensibile che lo sia. Mr. Smith, di Aberdeen, promette guadagni di circa 200 euro all’ora lavorando comodamente da casa propria. Ma la cosa bella è che il lavoro descritto nell’email è davvero leggero e si può fare anche dal proprio ufficio. Una vera occasione, ma come si fa ad aderire a tale succulenta proposta? Facile: basta cliccare il link in fondo all’email. Giulia è talmente emozionata che avrebbe voluto dirlo al collega informatico della scrivania accanto, ma proprio oggi ha chiesto un permesso, peggio per lui! Giulia non perde tempo e clicca quel link.

Nel frattempo, da un’altra parte della città, Alessio sta sorseggiando il suo secondo caffè giornaliero. Troppo zucchero, la prossima volta solo mezza bustina. Ma i suoi pensieri vengono interrotti dal segnale di posta in arrivo. È una richiesta di assistenza che gli arriva dal sistema di ticketing. Chi sarà?
Alessio legge il messaggio: “Non solo sono passati 30 minuti e ancora non ho guadagnato nemmeno un euro, ma mi si è pure bloccato il computer e così non posso più guadagnare i miei 2.000 euro a giorno! G”. Il tecnico capisce subito qual’è il problema, ne ha viste davvero molte di queste situazioni. Lascia il caffè sul bancone del bar e si precipita in ufficio alla sua postazione.

Alessio: “Buongiorno Giulia, cos…”
Giulia: “Perché ancora non mi sono arrivati i miei primi duecento euro?”
: “Credo di sapere cos…”
: “E inoltre il computer non funziona più”
: “Posso sapere cosa sta succedendo di preciso al computer?”
: “Sta aprendo in continuazione delle pagine internet che io non ho di certo cliccato”
: “Per caso hai ricevuto un’email in cui ti invitavano a cliccare su uno strano link?”
: “Assolutamente no!”
: “Per caso hai ricevuto un’email da un mittente sconosciuto?”
: “Beh, magari non lo conoscevo, però mi è sembrata una brava persona”
: “ E cosa c’era scritto?”
: “Si trattava di una proposta di lavoro, onesta e vantaggiosa, oltretutto”
: “E tu l’hai accettata?”
: “Ma certo, io sono una tipa sveglia, cosa credi?”
: “Immagino. Ma per caso, per accettarla ti veniva chiesto di cliccare su un link, diciamo così, sospetto?”
: “Non era sospetto, ma assolutamente credibile, era qualcosa tipo guadagnasenzasforzi punto it oppure cliccaquiperguadagnare punto com… insomma, una cosa del genere, adesso non me lo ricordo con precisione”
: “E tu ti sei fidata e l’hai cliccata, giusto?”
: “Certo, mica sono una che si fa scappare certe occasioni!”
: “E non hai pensato minimamente che potesse essere un link pericoloso”
: “Ma certo che no”
: “Beh, forse avresti dovuto pensarci invece”
: “Intendevo dire che il link non era pericoloso”
: “In realtà lo era, guarda come ti ha ridotto il computer!”
: “Che intendi dire?”
: “Che cliccando quel link hai aperto le porte ad un virus”
: “Cosa? Tu credi che quel link sia il responsabile della pazzia del mio computer?”
: “Tu no?”
: “Assolutamente! Il computer è certamente impazzito da solo, quel link non c’entra nulla e il signor Smith è una persona seria.”
: “Se lo dici tu…”
: “E allora come te lo spieghi che adesso il computer non apre più quelle pagine”
: “Forse perché mentre parlavamo ho lanciato l’antivirus e ho cancellato il tutti file che Smith ti aveva installato nel computer?”
: “Davvero?
: “Fossi in te la prossima volta ci penseri bene alle proposte di Mr. Smith!”

È capitato anche a te?

Siamo d’accordo che Giulia sia un caso cronico, ma un problemino con il computer sarà capitato anche a te! Raccontaci il tuo aneddoto più divertente e allega una foto di te disperata, pubblicheremo il tutto in Storie di ordinaria tecnologia e tu potrai vincere un ticket omaggio per un intervento di assistenza tecnica telefonica.

Carica una foto di te disperata

Autorizzo il trattamento dei dati personali, in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003, al fine di ricevere informazioni attinenti alla mia richiesta e dichiaro di aver letto l'informativa.

Please leave this field empty.